Prolocobonnanaro

Vai ai contenuti

Menu principale:

Santa Maria Iscalas

Il Paese > Monumenti

Chiesa di Santa Maria Iscalas

Costruita nel 1682, sorge sulle falde medio alte del Monte Pelao nella località che la tradizione orale denomina Marràda, su un breve pianoro, in posizione dominante rispetto al centro abitato. L’edificio, di notevoli dimensioni, è stato ristrutturato in due momenti. Un primo intervento, di ricostruzione della copertura e le parti murarie crollate del presbiterio, fu attuato alla fine del XX secolo; il secondo, tra il 2000 e il 2001, ha concluso l’opera di ristrutturazione che rende la Chiesa perfettamente agibile. Contemporaneamente a questi lavori, è stata condotta una campagna di scavo archeologico, che ha portato alla luce una serie di sepolture ad inumazione, alcune in fossa terragna, altre in tombe del tipo a cassone, realizzate in grandi lastre di calcare. Nelle tombe sono stati rinvenuti elementi di decorazione di abbigliamento in uso nel corso del ‘600. Anche la Santa Maria Iscalas di Bonnanaro, come altre chiese del Logudoro, ha rivelato segni della complessa e affascinante storia che conserva nella propria muratura e nel sottosuolo, testimonianza delle vicende che hanno caratterizzato il monumento, che andranno a comporre alcuni capitoli della storia della sua formazione.Dall’indagine archeologica si è evinto che la Santa Maria attuale non è altro che l’esito finale di una serie di riedificazioni e ristrutturazioni di un grande edificio costruito su un ancor più antico impianto. Lo scavo, pertanto, ha messo in luce i resti strutturali di un primo impianto, riconducibile a fasi edificatorie del medioevo; su di essi, in una fase anteriore alla metà del XVII sec., venne realizzato un secondo impianto di dimensioni maggiori rispetto al precedente. Ancora oggi, la vista della chiesa, restituita agli abitanti di Bonnanaro con una nuova ed elegante veste strutturale, è assai suggestiva.     


Torna ai contenuti | Torna al menu